Funu qualch cavalieri

Capo - 5

 

 

 

 

Lam Sol Fa Sol

Quand'in tempi di cridenze in e forze di natura

Lam Sol

accampvanu e putenze

Fa Sol

di u dolu di a paura

Lam Sol

ch a tarra cutrata

Fa Sol

di fiore s'era privata

 

 

Lam Sol Fa Sol

Quandu ch a luna piena n spechjava ch affanu

Lam Sol Fa Sol

ind' a notte serena ch cupra u malanu

Lam Sol Fa Sol

ch l'ombra di u demoniu spavintava ogni sonniu

 

 

Lam Sol Fa Sol

Funu qualch cavalieri sott'e pi belle armature

Lam Sol Fa Sol

incaminassi fieri imbriaghi d'aventure

Lam Sol Fa Sol

e so scibule l'iglia l'acquistu d'armunia,

Lam Sol Fa Sol

l'acquistu d'armunia

 

 

Lam

S'ranu messu circ ind' qualch abissu scuru

Lam

un'arma di l'aldil, un oghjettu d'oru puru

Lam

ch sguasser p l'eternu tutti i pienti di l'infernu

 

 

Do Sol Lam Do Sol Lam

P f i ghjorni pietosi contr' streghe ghjasteme

Do Sol Lam Do Sol Lam

maghi vili furiosi cumbattonu senza teme

Mim Lam Mim Lam

i castelli tenebrosi c i so mostri schivosi

 

 

Lam Mim Sol Rm

scambiamentu : Ma tesoru n ci n'era s'ellu n h quellu di u core

Fa Do Mi

di l'amicizia sincera di a virt di l'onore

Rm Mi

ch'ind' l'ore d'incertezza purt fede spirtezza

 

 

Lam Mim Sol Rm

Da stu mondu di magia di fole sunnulente

Fa Do Mi

soffia un'aria d'eresia ch'inturbidisce e mente

Rm Mi

ci caccia una stonda di a noia ch ci affunda,

Lam Sol Fa Sol

ch ci affunda.

 

 

Lam Sol Fa Sol

s'ellu ci vole ritene di sta storia una murale

Lam Sol Fa Sol

sappia ch quandu l'avvene si scrive neru murtale

Lam Sol Fa Sol

u cunfortu vene spessu da u fondu di t stessu,

Lam Mim

da u fondu di t stessu.

Fa Sol Lam

Da u fondu di t stessu.

 

 

 

Paroddi : Erwan Meyer.

Msica : Antoni Tramini

 

 

Siconda : Ren Monneyron