E chì
A cruciata di a me ghjuventù,
cù sunniata è antica virtù,
U velu di l'amori s'arrizzava
cù u soffiu chi, tandu svintulava,

Indi staghjoni longhi è nivulosi,
passioni cù tanti canzoni,
Di u libru d'amori hè fiuritu,
un figliolu stampatu in curighjolu

E chi u tempu sia, chi l'amicizia stia
Amichi furtunati è famiglii adduniti.
I cunniscii i novi riturneddi,
paghjelli è vechji sturneddi
D'ogni paesi à u distinu appesi
à tempu novi ch'ùn sò tuoi !

Tempi d'eri fatti addisperi,
l'ora sgrana a nostra vita
Mà i staghjoni legani l'amori
à sulioni maestuosi,
E chi u tempu corri, è lampa senza timori,
A rabbia di rinùncià à campà a vera serenità !

Vinnarà u ghjornu bughjicosu
d'andàssine è di lascià
A l'alba di a nova tribbiera
u pisoni di i nostri passioni

U paradisu tandu s'aprerà è a prighera purtarà
U soli senza fruntiera è u riposu senza straziera

E chi u tempu sia, à l'inverciu di una sfida
Una fratiddenza sana senza pazzia mà umana,
Tandu mi n'andaraghju mi staccaraghju
è prigharaghju
Cù i to ochji lacrimosi,
so svaniti i tempi amorosi...

 

Paroddi è mùsica : Antoni Tramini 1999