Funu qualchi cavalieri

Quand'in tempi di cridenze in e forze di natura
accampàvanu e putenze
di u dolu è di a paura
è chì a tarra cutrata
di fiore s'era privata

Quandu chì a luna piena ùn spechjava chì affanu
ind'è a notte serena chì cuprìa u malanu
è chì l'ombra di u demoniu spavintava ogni sonniu

Funu qualchì cavalieri sott'e più belle armature
à incaminassi fieri imbriaghi d'aventure
e so sciàbule à l'iglia à l'acquistu d'armunia,
à l'acquistu d'armunia

S'èranu messu à circà ind'è qualchì abissu scuru
un'arma di l'aldilà, un oghjettu d'oru puru
chì sguasserà pè l'eternu tutti i pienti di l'infernu

Pè fà i ghjorni pietosi contr'à streghe è ghjasteme
maghi vili è furiosi cumbattonu senza teme
i castelli tenebrosi cù i so mostri schivosi

scambiamentu : Ma tesoru ùn ci n'era s'ellu ùn hè quellu di u core
di l'amicizia sincera di a virtù è di l'onore
ch'ind'è l'ore d'incertezza purtò fede è spirtezza

Da stu mondu di magia è di fole sunnulente
soffia un'aria d'eresia ch'inturbidisce e mente
è ci caccia una stonda di a noia chì ci affunda,
chì ci affunda.

È s'ellu ci vole à ritene di sta storia una murale
sappia chì quandu l'avvene si scrive neru è murtale
u cunfortu vene spessu da u fondu di tè stessu,
da u fondu di tè stessu.


Paroddi : Erwan Meyer.
Mùsica : Antoni Tramini 1998.